Blog

Ultime news e tanti consigli utili per aprire la tua nuova attività

L’abbattitore come si usa? Caratteristiche e funzioni

L’abbattitore come si usa? Innanzitutto, l’abbattitore è un macchinario che permette la surgelazione e il raffreddamento della temperatura degli alimenti in pochissimo tempo.

Devi sapere che, secondo le normative igienico sanitarie è obbligatorio per legge abbattere gli alimenti. Per questo motivo acquistare un abbattitore è indispensabile , se vuoi aprire un’attività imprenditoriale di vendita o consumo di alimenti.

Avere un abbattitore ti garantisce anche un vantaggio imprenditoriale, perché permette una disposizione migliore.

In che modo l’abbattitore offre un organizzazione migliore?

Perché consente una maggior produzione di cibo in quanto, dopo essere stato posto in abbattitore, può essere tirato fuori e utilizzato con la sicurezza che l’alimento consegnato al cliente sia fresco e di ottima qualità.

Ti vuoi informare in maniera più approfondita su come si usa l’abbattitore di temperatura e su quali sono le sue funzioni? Nei prossimi paragrafi, ci soffermeremo su queste caratteristiche, così da rispondere ad ogni tua domanda.

Abbattitore: come si usa, cosa fa e le sue funzioni

Come si usa l’abbattitore di temperatura?

Come funziona l’abbattitore per il pesce crudo?

L’abbattitore di temperatura must del La Casa della Farina

Abbattitore come si usa, cosa fa e le sue funzioni

Alla domanda l’abbattitore cosa fa è appurato che questo macchinario rispetta le qualità organolettiche del cibo e serve principalmente per:

  • la surgelazione;
  •  il raffreddamento.

In pochi però sanno che alcuni modelli hanno delle funzioni aggiuntive che risultano altamente comode e funzionali. Quali?

  • lo scongelamento rapido che offre la possibilità di ottimizzare le scorte senza rinunciare alla qualità del prodotto;
  •  la possibilità grazie all’impostazione della temperatura e dell’umidità di ottenere la lievitazione;
  • la pastorizzazione grazie alla possibilità di portare la temperatura fino a +85°C;
  • la cottura a bassa temperatura per ottenere una preparazione ottimale del prodotto. La funzione è adatta anche per mantenere caldi i cibi durante il servizio e ottimizzare i tempi e l’organizzazione;
  • la disidratazione dei prodotti freschi. 

Ci sono due tipologie di abbattitori, o meglio, hanno due specifiche funzionalità di abbattimento:

  • in positivo: permette di abbassare la temperatura dei piatti da +95°C a +3°C. Questo passaggio, provoca uno shock termico all’alimento che vieta la riproduzione dei batteri, così da rispettare le norme igieniche dell’HACCP;
  • in negativo: permette di abbassare la temperatura fino a -18°C in poco meno di 4 ore, così da portare l’alimento alla surgelazione ottenendo la micro-cristallizzazione dell’acqua.
    In questo modo, si evita la creazione all’interno dell’alimento di cristalli di ghiaccio e si mantengono gli stessi principi nutritivi dell’originale alimento.

Appurate le caratteristiche dell’abbattitore di temperatura e il suo funzionamento, è importante andare a capire come si usa. Nel prossimo paragrafo andremo ad analizzare l’utilizzo di questo strumento tanto comodo e indispensabile.

Come si usa l’abbattitore di temperatura?

Potrebbe sembrarti una domanda scontata, ma non lo è, perché se non lo hai mai utilizzato non puoi saperlo. Andiamo quindi a vedere nello specifico come si usa un abbattitore di temperatura.

Se devi portare il valore di temperatura dei cibi appena cucinati dalla temperatura dei fornelli a +3°C nel minor tempo possibile, non puoi che non utilizzare l’abbattimento in positivo.

Quali sono le procedure da seguire?

  • inserire la teglia ancora calda nell’abbattitore;
  • inserire il termometro a sonda al cuore del cibo così da acquisire il punto più caldo;
  • aspettare che la temperatura arrivi a +3°C ed estrarre la teglia.

Il risultato che si otterrà è il miglioramento della qualità dell’alimento conservato.

Se invece, devi portare il valore di temperatura dei cibi crudi a -18°C, il procedimento da seguire è simile a quello sopra:

  • inserire la teglia con l’alimento crudo all’interno dell’abbattitore;
  • estrarlo quando raggiunge la temperatura desiderata.

Se per esempio hai intenzione di aprire un sushi restaurant, devi considerare che il pesce è un alimento pieno di batteri e, quindi è importante abbatterlo e conservarlo nella maniera corretta. Andiamo quindi a capire come funziona l’abbattitore per il pesce e le regole per evitare pericoli.

Come funziona l’abbattitore per il pesce crudo?

La richiesta di consumazione di pesce crudo negli ultimi anni si è andata a diffondere sempre di più.
Il pesce crudo è facile che sia contaminato da diversi microrganismi/batteri che provocano infezioni o intossicazioni.

Vuoi aprire un sushi bar e ti stai domandando come si fa ad abbattere il pesce crudo e perché bisogna farlo?

Come espone la normativa CE 853/2004 sull’igiene dei prodotti alimentari, per evitare intossicazioni alimentari è obbligatorio abbattere il pesce ad una temperatura di -20°C per almeno 24 ore, oppure, a -35°C a 15 ore, così da avere la sicurezza che venga eliminato ogni eventuale presenza di batterio.

L’abbattitore di temperatura must del La Casa della Farina

Dopo quanto letto avrai dunque capito che è indispensabile l’utilizzo di questo apparecchio per la tua attività. Investire su l’abbattitore di temperatura ha anche un vantaggio economico, perché conservando il prodotto per lunghi periodi, si andranno a ridurre gli sprechi alimentari e di denaro.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni su come usare l’abbattitore di temperatura  o sulle nostre altre offerte non esitare a contattarci.